top of page
Professional headphones with microphone

BLOG

9 trucchi per registrare da Pro

Aggiornamento: 18 gen 2023


 

La registrazione audio è un'arte complessa che richiede una comprensione approfondita dell'acustica, dell' attrezzatura e del software. Per ottenere una buona registrazione, ci sono alcune cose da tenere a mente che garantiranno che il suono registrato sia pulito, nitido e privo di rumori di fondo.



 


1) Acustica della stanza

L'acustica della stanza in cui si registra è un fattore fondamentale per ottenere una buona qualità audio. Il suono può essere influenzato dalla forma della stanza, dalla posizione dei mobili e dalla presenza di finestre e porte. Una stanza con un'acustica adeguata non rifletterà troppo il suono e non creerà echi indesiderati. Ci sono alcuni modi per migliorarla , come per esempio l'utilizzo di pannelli fonoassorbenti o diffusori acustici. E' importante prendere tutto ciò in considerazione quando si sceglie una location per la registrazione e fare eventuali modifiche necessarie per ottenere un suono pulito e nitido.



2) Tecnica e Microfonazione

La tecnica di registrazione è fondamentale per ottenere un bel suono . Posizionare il microfono ad una distanza adeguata dalla fonte sonora e utilizzare una tecnica appropriata può fare la differenza. Ad esempio, la tecnica ORTF (Orthogonal to the sound source) consiste nel posizionare due microfoni ad un angolo di circa 110 gradi e ad una distanza di circa 17 centimetri l'uno dall'altro, per catturare un suono più naturale e spazioso, tipicamente per una chitarra acustica.

Anche altre tecniche come la tecnica XY o la tecnica Mid-Side possono essere utilizzate per ottenere un suono più preciso e definito.



3) Software (DAW)

Il software di editing audio è un elemento chiave per ottenere il massimo dalla registrazione. Utilizzando un software di editing di qualità, è possibile rimuovere i rumori di fondo, migliorare il livello del suono e correggere eventuali errori di registrazione. Inoltre, l'utilizzo di effetti audio e di strumenti di missaggio e mastering consente di esprimere il massimo in termini di qualità percepita.

Tra i migliori software DAW (Digital Audio Workstation) attualmente sul mercato, troviamo: Pro Tools, Logic Pro X, Ableton Live e FL Studio. Questi software offrono una vasta gamma di strumenti e funzionalità avanzate per la registrazione, l'editing e il missaggio audio, rendendoli una scelta ideale sia per gli utenti professionali che per quelli amatoriali. Inoltre, offrono interfacce intuitive e facili da usare, consentono di lavorare con una vasta gamma di formati audio.



4) Le prove!!!

Fare prove prima di iniziare la registrazione vera e propria è un passo importante per assicurarsi di ottenere il risultato desiderato. Utilizzare una procedura per testare il tutto consente di verificare che tutti i parametri siano impostati correttamente e di familiarizzare con l'ambiente di registrazione. Inoltre, le prove permettono di rilevare e risolvere eventuali problemi tecnici prima di iniziare la registrazione vera e propria.

Durante le prove è possibile valutare i livelli di registrazione, verificare la posizione e la distanza dei microfoni, gli effetti audio e la qualità del segnale in ingresso. In generale, ciò consente di essere ben preparati e di evitare possibili errori o problemi tecnici, garantendo un risultato più professionale.



5) Il Gain è la base di tutto

Regolare correttamente il guadagno del preamplificatore è fondamentale per ottenere una buona registrazione. Un guadagno troppo alto può causare distorsioni o clipping del segnale, mentre un guadagno troppo basso può causare una registrazione troppo debole con conseguente innalzamento di fruscii e rumori di fondo. Assicurati di regolarlo in modo da ottenere un livello di registrazione ottimale. Come avremo modo di approfondire in altri articoli di questo blog, il guadagno (Gain) è un "volume" che viene applicato al segnale prima che questo raggiunga la scheda audio, in modo che nella scheda arrivi un audio più potente (ma non troppo potente!!). Senza gain, infatti il suono proveniente da un microfono arriverebbe alla scheda ad un livello appena percettibile, e amplificarlo successivamente porterebbe alla luce tutti i difetti della registrazione, primo fra tutti il rumore. Un pò come quando si ingrandisce una foto a bassa risoluzione e si iniziano a vedere i pixel. Abusarne del resto porterebbe alla scheda un suono troppo potente che diventerebbe quindi non gestibile manifestandosi sotto forma di clipping o di distorsione.



6) Attrezzatura

L'attrezzatura utilizzata per la registrazione audio ha un'importanza relativa rispetto alle competenze del tecnico del suono. Certamente, utilizzarla può aiutare a ottenere un suono migliore o addirittura impeccabile, ma non è l'unico fattore determinante per ottenere una registrazione di qualità.

E' importante notare che anche l'utilizzo di attrezzatura professionale non garantisce automaticamente una registrazione professionale, se non utilizzata correttamente e se non si ha una buona comprensione delle tecniche di registrazione.

Sebbene quindi sia auspicabile utilizzare attrezzatura di un certo livello, come microfoni , preamplificatori, schede audio esterne, diffusori acustici, ecc... per ottimizzare la qualità del suono durante tutto il percorso che esso fa lungo la catena audio, questa deve essere accompagnata da una buona comprensione delle tecniche di registrazione e un'abilità nel suo utilizzo per potersi ripagare dell'investimento in termini di qualità.



7) Parete grande..pennello grande....

Una vecchia pubblicità diceva: per una parete grande ci vuole un pennello grande.... Vale anche per il recording!

Utilizza un microfono a diaframma largo per registrare gli strumenti acustici come chitarre e pianoforti per catturare una gamma più ampia di frequenze. Ciò ti consentirà di ottenere un suono più naturale, spazioso e profondo, che cattura sia i dettagli dello strumento che dell'ambiente in cui viene registrato.







8) Pop anche se non è Pop

Qualunque sia il genere musicale che stai registrando, se devi catturare una voce utilizza un filtro anti-pop per evitare i "popping". Essi si verificano quando una parola o una lettera con la "p" o la "b" vengono pronunciate troppo vicino al microfono con conseguente creazione di onde d'aria "anomale" che colpiscono il diaframma del microfono, causando il tipico suono di "pop" o "scoppio" nella registrazione.



9) Il Mixing

La tecnica di missaggio e masterizzazione è importante per ottenere il massimo dalla registrazione. Utilizza effetti di qualità, regola i livelli e crea un equilibrio adeguato tra i diversi elementi del brano. Un ulteriore processo da prendere in considerazione è quello del mastering, che avviene dopo il missaggio. E' un processo complesso che si avvale di attrezzature costosissime e conoscenze estremamente specifiche, ma che può essere affidato a professionisti, che non di rado offrono il servizio a costi relativamente abbordabili per un singolo brano. Esistono anche software in grado di masterizzare brani in modo del tutto automatico o siti che offrono la masterizzazione a costi ancora più bassi.



Riepilogo

Per riassumere, se devi registrare , assicurati di:

Avere un discreto microfono e posizionarlo correttamente

Non farlo in una stanza vuota, fallo in una stanza piena di oggetti e mobili

Controlla il Gain del segnale microfonico o di linea di tutto ciò che entrerà nella scheda audio.

Usa un filtro anti pop per le voci

Usa un buon software di editing

Utilizza equalizatori , compressori, filtri ed effetti per migliorare ulteriormente il segnale audio

Spendi del tempo per mixare il brano

Fai masterizzare il brano da un professionista


Conclusioni

Già questi soli basilari accorgimenti porteranno il livello di qualità della registrazione molto in alto, facendo la maggior parte del percorso verso il traguardo della perfezione. L'ultimo tratto di questo percorso verrebbe percorso a bordo di attrezzature costosissime e competenze molto specifiche che però rappresenterebbero una minima parte della qualità totale percepita del brano. Come accade anche nel mondo del video e in altri ambiti, le tecniche di base portano al 90% del risultato col 10 % del costo. Per percorrere l'ultimo 10% invece occorre spendere il restante 90% .

65 visualizzazioni
bottom of page